Attualità: boom di aperture di Partite Iva nel corso del 2017

09 marzo 2018


Avvertenza

Sono 512.000 le partite iva aperte durante il 2017, risultato record che segna un incremento dell’1,2% rispetto all’anno precedente.

 

La prevalenza delle nuove attività riguarda le persone fisiche (circa il 70%, dato stabile rispetto all’anno precedente) mentre il 24% è rappresentato da società di capitali (in aumento, rispetto al 2016, de 7,3%). Il resto concerne le società di persone (meno del 5%, con una decisa flessione dell’8,1% rispetto al 2016).

 

Dando uno sguardo alla distribuzione territoriale delle nuove aperture, notiamo che il 42,5% delle partite iva si trova al Nord, il 22,3% al Centro e circa il 35% al Sud ed Isole.

 

Rispetto al 2016 è la Valle d’Aosta che registra il più importante aumento, pari al 9,4%, seguita dalla Sicilia (+7,8%) e dalle Marche (+5%). Per contro, la diminuzione più marcata si registra in Basilicata, seguita da Molise e Calabria.

Il settore più interessato dalle nuove aperture resta il commercio, che rappresenta circa il 21% del totale; a seguire, troviamo le attività professionali (14,7%) e l’agricoltura (10,9%).

Parlando delle nuove aperture da parte di persone fisiche, il 62% sono state effettuate da parte di soggetti di sesso maschile, mentre il 46,5% delle nuove partite Iva è stato avviato da giovani fino a 35 anni. Altro dato interessante: circa il 17% delle persone fisiche che nel 2017 ha aperto una partita Iva è nato all’estero.

Segnaliamo, inoltre, che i soggetti che nel 2017 hanno aderito al regime forfetario risultano 182.519, ovvero il 35,7% del totale delle nuove aperture, con un incremento del 9,1% rispetto all’anno precedente.

Ultimio dato: un aggiornamento del mese di dicembre 2017, che ha visto una flessione del 5,7% rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente. Sono state in tutto 24.450 le nuove partite iva aperte alla fine del 2017.

MEF – Osservatorio sulle partite iva – dati statistici



Avvertenza

La pubblicazione di contributi, approfondimenti, articoli e in genere di tutte le opere dottrinarie e di commento (ivi comprese le news) presenti su Filodiritto è stata concessa (e richiesta) dai rispettivi autori, titolari di tutti i diritti morali e patrimoniali ai sensi della legge sul diritto d'autore e sui diritti connessi (Legge 633/1941). La riproduzione ed ogni altra forma di diffusione al pubblico delle predette opere (anche in parte), in difetto di autorizzazione dell'autore, è punita a norma degli articoli 171, 171-bis, 171-ter, 174-bis e 174-ter della menzionata Legge 633/1941. È consentito scaricare, prendere visione, estrarre copia o stampare i documenti pubblicati su Filodiritto nella sezione Dottrina per ragioni esclusivamente personali, a scopo informativo-culturale e non commerciale, esclusa ogni modifica o alterazione. Sono parimenti consentite le citazioni a titolo di cronaca, studio, critica o recensione, purché accompagnate dal nome dell'autore dell'articolo e dall'indicazione della fonte, ad esempio: Luca Martini, La discrezionalità del sanitario nella qualificazione di reato perseguibile d'ufficio ai fini dell'obbligo di referto ex. art 365 cod. pen., in "Filodiritto" (https://www.filodiritto.com), con relativo collegamento ipertestuale. Se l'autore non è altrimenti indicato i diritti sono di Inforomatica S.r.l. e la riproduzione è vietata senza il consenso esplicito della stessa. È sempre gradita la comunicazione del testo, telematico o cartaceo, ove è avvenuta la citazione.