Attualità - Aumentano sensibilmente le imprese nel 2017 e più della metà della crescita è al Sud

13 marzo 2018


Avvertenza

46mila imprese in più nel 2017 (+0,7%), il 60% della crescita è al Sud. Rallenta la nascita di nuove imprese (-1,8%) ma frenano di più le chiusure (-3,4%).

Buone notizie per le imprese italiane che, anche nel 2017, sono aumentate. Sono infatti 46mila in più le imprese iscritte nei registri delle Camere di Commercio, con una crescita dello 0,7% rispetto al 2016. Se il Nord cala, al Sud si registra un incremento del 60% dell’aumento complessivo, una quota record nella storia del saldo nazionale.

I dati da sottolineare, apparentemente contrastanti, sono, dunque, due.

Da un lato, l’ulteriore rallentamento della nascita di nuove imprese (quasi 357mila a livello nazionale,  l’1,8% in meno del 2016) e una più consistente frenata delle chiusure (poco più di 311mila, il dato più contenuto degli ultimi dodici anni), in calo del -3,4% rispetto all’anno precedente.

Piemonte (-965), Emilia-Romagna (-636) e Friuli Venezia Giulia (-431) segnano una battuta di arresto, con un saldo negativo, ma tutte le altre regioni hanno chiuso il 2017 con un bilancio anagrafico positivo, con il Lazio in prima posizione (10.648 imprese in più), seguito da Campania (+9.472) e Sicilia (+7.518).

I settori che segnano gli aumenti più decisi sono il turismo (+10.335), i servizi alle imprese (+7.206) e le attività professionali scientifiche e tecniche (+5.494). A chiudere in rosso, invece, sono state le attività manifatturiere (-2.648), le costruzioni (-1.913) e l’agricoltura (-447).

A commentare il dato, il presidente di Unioncamere, Ivan Lo Bello: “I dati sulle aperture e chiusure delle imprese nel corso del 2017 mostrano che gli italiani continuano a credere nel fare impresa. E anche il Sud del nostro Paese mostra segnali di miglioramento. Per questo – aggiunge Lo Bello – occorre aiutare gli imprenditori a tenere il passo con i cambiamenti che sempre più rapidamente investono il mondo dell’economia. 46mila imprese in più rispetto al 2016 – conclude – sono un segnale che l’Italia sta riprendendo la via della crescita”.

Report di Infocamere sulla salute delle imprese italiane nel 2017



Avvertenza

La pubblicazione di contributi, approfondimenti, articoli e in genere di tutte le opere dottrinarie e di commento (ivi comprese le news) presenti su Filodiritto è stata concessa (e richiesta) dai rispettivi autori, titolari di tutti i diritti morali e patrimoniali ai sensi della legge sul diritto d'autore e sui diritti connessi (Legge 633/1941). La riproduzione ed ogni altra forma di diffusione al pubblico delle predette opere (anche in parte), in difetto di autorizzazione dell'autore, è punita a norma degli articoli 171, 171-bis, 171-ter, 174-bis e 174-ter della menzionata Legge 633/1941. È consentito scaricare, prendere visione, estrarre copia o stampare i documenti pubblicati su Filodiritto nella sezione Dottrina per ragioni esclusivamente personali, a scopo informativo-culturale e non commerciale, esclusa ogni modifica o alterazione. Sono parimenti consentite le citazioni a titolo di cronaca, studio, critica o recensione, purché accompagnate dal nome dell'autore dell'articolo e dall'indicazione della fonte, ad esempio: Luca Martini, La discrezionalità del sanitario nella qualificazione di reato perseguibile d'ufficio ai fini dell'obbligo di referto ex. art 365 cod. pen., in "Filodiritto" (https://www.filodiritto.com), con relativo collegamento ipertestuale. Se l'autore non è altrimenti indicato i diritti sono di Inforomatica S.r.l. e la riproduzione è vietata senza il consenso esplicito della stessa. È sempre gradita la comunicazione del testo, telematico o cartaceo, ove è avvenuta la citazione.